La battaglia di Giulia: “Sono in carrozzina ma voglio poter volare come tutti”

pubblicato in: MOBILITA' TRASPORTO, NOTIZIE | 0

Otto anni fa l’incidente che le ha fatto perdere l’uso delle gambe. Adesso viaggia appena può: «Ancora troppi ostacoli sugli aerei per noi disabili». TORINO. Da quando non cammina più, Giulia Lamarca vola ogni volta che può. Torinese, 28 anni, psicologa del lavoro (si occupa di inclusione e risorse umane), blogger, ha scoperto la sua passione per i viaggi dopo che otto anni fa ha perso l’uso delle gambe a causa di un incidente in moto. Australia, India, Thailandia, Cina, Indonesia, Giappone: Giulia li ha visitati tutti. E sulla base della sua esperienza ha lanciato una campagna su Instagram,  dirittoalvolo, per aumentare la consapevolezza delle difficoltà (e dei diritti) dei disabili che prendono l’aereo, con un video che è stato … Continued

Lo scuolabus non è attrezzato: bimba disabile viaggia da sola

Ferrante, presidente dell’associazione Carrozzine determinate: «Una grave discriminazione» Il sindaco Giancola: «Le abbiamo messo a disposizione un mezzo comunale con l’autista» di Ylenia Gifuni SCAFA. Tira in ballo il diritto allo studio degli alunni con disabilità, l’inclusione scolastica e il diritto all’istruzione «senza discriminazione e sulla base di uguaglianza di opportunità», il presidente dell’associazione Carrozzine determinate, Claudio Ferrante, nel denunciare la mancanza di uno scuolabus attrezzato per il trasporto degli alunni in carrozzina. A Scafa, dall’inizio dell’anno scolastico, succede che a un’alunna disabile di nome Giulia sia negato l’accesso allo scuolabus comunale. Il tutto perché il mezzo messo a disposizione dalla cooperativa “Mani Tese” che gestisce le politiche sociali non è dotato della pedana per le carrozzine e di una corsia interna … Continued

Spesi 50mila euro ma l’abbazia è vietata

Fossacesia, la Provincia installa un montascale ma è impossibile raggiungerlo e la corsa finisce davanti al portone sbarrato di Pietro Lambertini FOSSACESIA Una spesa «inutile» di 50mila euro. Tanto è costato alla Provincia di Chieti installare un servoscala all’abbazia di San Giovanni in Venere, a Fossacesia, per consentire l’accesso ai disabili. Ma è un impianto impossibile. Per due motivi: il primo è che arrivarci dalla strada è già un’impresa perché è necessario passare su un percorso acciottolato; il secondo è che la sua corsa si ferma davanti a un portone quasi sempre sbarrato, il Portale della luna che viene aperto solo per le cerimonie. Soldi spesi per un monumento all’inutilità, così sostiene l’associazione Carrozzine Determinate: «Se la Provincia, esecutrice dei … Continued

Accessibility